CiboRicette e Sapienze Antiche

Minestra di battuto del Baccano

minestra di battuto del Baccano

Minestra di battuto del Baccano ⇒ Storia

Quando i romei arrivavano lungo la Cassia – Francigena, dopo Sutri, alla valle del Baccano, vi trovavano una celebre locanda frequentata anche da Montaigne nel Cinquecento. La minestra che veniva servita, già con il profumo romano del guanciale e del pecorino, poteva essere come questa riportata in un vecchio ricettario della zona.

Ingredienti:

80g di guanciale

¼ di cipolla

1 spicchio d’aglio

1 ciuffo di prezzemolo

Olio di oliva o strutto

200g di pasta all’uovo spezzettata

Sale

Pecorino romano

Preparazione:

Tritate con la mezzaluna il guanciale, la cipolla, l’aglio e un ciuffo di prezzemolo e soffriggere il tutto in 1/3 di bicchiere d’olio di oliva per circa 5 minuti. Aggiungere 1 litro abbondante d’acqua calda. Quando inizia a bollire abbassare la fiamma e far sobbollire per 10 minuti. Aggiustare di sale e aggiungere la pasta all’uovo secca spezzettata. Quando la pasta è cotta servire, cospargendo con pecorino romano grattugiato.

Fonte: Marina Cepeda Fuentes “La cucina dei pellegrini da Compostela a Roma”